Fondazione Giovanni Paolo II onlus
  • sede legale: via del Proconsolo, 16 - 50122 - Firenze - ITALY
  • tel:+39 0575 583077

info@fondazionegiovannipaolo.org

♦ ANNO 2017          ♦ ANNO 2016          ♦ ANNO 2015          ♦ ANNO 2014          ♦ ANNO 2013          ♦ ANNO 2012          ♦ ANNO 2011          ♦ ANNO 2010          ♦ ANNO 2009          ♦ ANNO 2008

ANNO-2018

Parrocchia SS. Nome di Gesù – Pratovecchio
ANDIAMO IN TERRA SANTA
dal 24 al 31 luglio 2018

Locandina

Programma


Stand up for Africa
Poppi, 28 aprile 2018

L’edizione 2018 di Stand Up for Africa – arte contemporanea per i diritti umani – vive sabato 28 aprile uno dei suoi momenti centrali con l’attribuzione del premio Stand Up for Africa Prize 2017 a Andrew Ndukuba, fondatore del Sahara Desert. Appendice al momento di premiazione, l’inaugurazione al Museo Archeologico del Casentino a Bibbiena della installazione “Organismo” di Guerrilla Spam.
Come ricorda Eleonora Ducci, “Stand up for Africa è un progetto nato alcuni anni fa dalla spinta di vari artisti locali, che hanno collaborato insieme ad alcuni migranti ospitati nel territorio affinché l’arte contemporanea divenisse strumento di integrazione fra i popoli. Coinvolgendo molti Enti e realtà territoriali, il progetto è sfociato in numerose iniziative e fra queste l’attribuzione di un premio annuale a chi lavora ogni giorno per costruire ponti e non muri, facilitare cioè gli scambi interculturali e le relazioni pacifiche”.

♦ Arezzo Ora, 24 aprile 2018
Poppi, sabato 28 aprile torna Stand Up For Africa


Guerra in Siria – Corridoi umanitari
Montevarchi e San Giovanni Valdarno, 26/27 aprile 2018

A Montevarchi e San Giovanni due iniziative sul tema della guerra. Relatori don Mario Montanaro, dell’Ufficio Migranti della Diocesi di Acqui Terme, operatore con Caritas Italia, che è recentemente tornato da Aleppo, dove guida alcuni mini-progetti in favore delle popolazioni locali; Alessio Mugelli, della Comunità di S. Egidio, che si occupa dei corridoi umanitari e dell’accoglienza dei beneficiari in Toscana e Wesam Jahjah, siriano, che dopo essere venuto in Italia rischiando la vita attraverso Sudan, Egitto, Libia, ha potuto ricongiungersi con la famiglia grazie ai corridoi umanitari, con l’aiuto della Comunità di S.Egidio e la Comunità Caritas di Montevarchi, dove vive e lavora. L’iniziativa punta ad avere un quadro aggiornato di come vive la popolazione della Siria, in particolare ad Aleppo, e per conoscere come funzionano i “corridoi”, anche attraverso la testimonianza di un siriano che ne ha usufruito con la propria famiglia. Il giorno successivo, alle ore 9:30, presso il cinema-teatro “Masaccio” di San Giovanni, i relatori, intervenuti nella serata del venerdì si confrontano con gli studenti dei trienni delle scuole superiori del Valdarno.

♦ La voce di Fiesole, n.14 del 22 aprile 2018
SIRIA, la guerra disumana e i corridoi umanitari (di Simone Pitossi)

♦ La Parola di Fiesole, n.16 del 6 maggio 2018
«In Siria non c’è bisogno di elemosina ma di responsabilità» (di Paola Conti)


Le frontiere del quadrante mediorientale: presentazione del libro di Nicola Censini
Firenze, 28 marzo 2018

Mercoledì 28 marzo, presso la Sala Gigli di Palazzo del Pegaso a Firenze, è stato presentato il libro di Nicola Censini “Le frontiere del quadrante mediorientale”, pubblicato da Aracne editrice. Insieme all’autore, sono intervenuti Eugenio Giani, presidente del Consiglio Regionale della Toscana, Stefano Scaramelli, Presidente Commissione Sanità e politiche sociali, Fabrizio Nevola, Grand’Ufficiale Consigliere della Presidenza della Repubblica e Carlo Simonetti, Responsabile Ufficio progetti della Fondazione Giovanni Paolo II.

Locandina dell’evento

♦ Video intervista

♦ nove da Firenze – 27 marzo 2018
Le frontiere del quadrante mediorientale

♦ il Cittadino online.it – 26 marzo 2018
“Le frontiere del quadrante mediorientale”: il libro di Nicola Censini

♦ informazione.it – 26 marzo 2018
Presentazione del libro “Le frontiere del quadrante mediorientale” di Nicola Censini


Premio letterario “Donne tra ricordi e futuro” 2018-2019

Ai luoghi straordinari incontrati, il Premio letterario Donne tra ricordi e futuro aggiunge Perugia, per continuare il lancio della quarta edizione con il proposito di proseguire il suo cammino di premio legato al “turismo culturale”. Gli autori, le Istituzioni, gli amici, i giurati, e gli estimatori continuano ad accoglierlo nel suo peregrinare andando ad aprire porte di luoghi prestigiosi. In particolare, ci intriga Perugia, sede universitaria già dal 1300. Oggi l’Università per Stranieri è specializzata nell’insegnamento della Lingua e Cultura Italiana e attira studenti da tutto il mondo. E noi respireremo quell’aria.
A seguire ritorneremo a Pratovecchio Stia, in Casentino, l’11 marzo p.v., per consegnare il Premio della Critica al miglior autore edizione 2016-2017, e presentare i testi premiati. Successivamente sono previste manifestazioni a Castel Viscardo, Battipaglia-Paestum, Firenze.

Presentazione della quarta edizione del Premio letterario (Perugia, 24 febbraio 2018)
Bando della IVª edizione del Premio letterario
Evento di domenica 11 marzo 2018 a Pratovecchio (AR)

L’associazione culturale “Scrivi la tua storia” ha presentato la quarta edizione del premio letterario “Donne tra ricordi e futuro”. Il premio, destinato a opere inedite in lingua italiana, è rivolto a donne e uomini che vogliano ripercorrere e raccontare storie di donne sul filo della memoria, legate ai valori, alle tradizioni, alle emozioni passate e ancora presenti. Il concorso è promosso dal Comune di Pratovecchio Stia, ha il sostegno della FIDAPA BPW Italy, dell’Ente Parco Foreste Casentinesi Monte Falterona e Campigna, il Rotary Perugia Trasimeno. L’iniziativa si propone di rendere omaggio, attraverso la scrittura e nell’ambito dello sviluppo e diffusione della cultura, anche in campo internazionale, a tutte quelle donne che hanno rincorso un futuro migliore, cercato una propria identità, che ritroviamo ancora viva nel ricordo e nei cuori. Inoltre, è indirizzato a chi desidera conoscere una valle incontaminata, il Casentino: le sue pievi, i castelli, eremi e monasteri, le sue foreste, la cucina, e altri luoghi di questa nostra Italia di pari fascino. Il concorso è dedicato alla memoria di Bruno Fiorini, un Italiano radicato nel Casentino, nell’alta valle dell’Arno. La sua figura è raccontata nel libro “Betty, sono Bruno”, dalla figlia Lorena, che testimonia la sua esperienza e i suoi ricordi di prigioniero, in Scozia, durante la Seconda guerra mondiale.


cropped-LOGO-SCONTORNATO.png
Siria: i Cristiani perseguitati
Roma, mercoledì 17 gennaio 2018
Incontro pubblico presso la parrocchia di Santa Emerenziana, via Lucrino, 53 – ROMA