Fondazione Giovanni Paolo II onlus
  • sede legale: via del Proconsolo, 16 - 50122 - Firenze - ITALY
  • tel:+39 0575 583077

info@fondazionegiovannipaolo.org

Centro sanitario di Santé Taset (Senegal)

Il complesso si trova in Località Santè Taset, a circa 80 km da Dakar, posizionata in un’area pianeggiante punteggiata dalla sorprendente e maestosa bellezza dei baobab, emblema del Senegal, adiacente alla Riserva Naturale di Bandia. Il progetto include, oltre alla costruzione del Centro Sanitario, il reperimento di una ambulanza idonea a viaggiare nelle zone sterrate limitrofe al centro del villaggio.

centro medico santé teset

Icona-InfoIcona-GloboIcona-GruppoIcona-CameraIcona-DollaroIcona-LenteIcona-Video


Icona-InfoL’obiettivo è la riorganizzazione e la razionalizzazione degli spazi esistenti, il miglioramento igienico sanitario e dei confort interni ed esterni oltre a dare alla struttura una nuova veste estetica. Per la riorganizzazione interna, oltre alla modifica di setti e aperture, è stato previsto l’accorpamento del porticato ai locali della struttura e la realizzazione di una nuovo modesto volume per collegare i due corpi di fabbrica.
Internamente sono stati previsti due nuovi servizi igienici, in sostituzione dell’attuale unico servizio esterno, è stata prevista la ricostruzione degli intonaci, dei pavimenti e rivestimenti, la sostituzione degli infissi e la nuova tinteggiatura.
L’attuale corte d’ingresso, attualmente a cielo aperto, è protetta da un pergolato ed ha la funzione di attesa. È stata prevista una nuova copertura leggera soprastante i soffitti dei locali e staccata da essi, in modo da creare una ventilazione continua ed ottenere benefici climatici all’interno della struttura.
Esternamente, sui muri perimetrali sul confine del lotto, nuovi intonaci e tinteggiature che, unitamente agli interventi già descritti, rendono la struttura completamente diversa dall’esistente. Tutte le superfici scoperte all’interno del lotto sono pavimentate con quadroni di calcestruzzo, è stata inoltre installata una cisterna esterna per il recupero delle acque meteoriche e dei pannelli fotovoltaici per la produzione dell’energia elettrica.

Depliant illustrativo del progetto realizzato dallo studio “Starch architettura-design”


Icona-Globo


Icona-Gruppo
Unicoop Firenze

 

francesconstarch-architettura-design


Icona-Camera

Previous Image
Next Image

info heading

info content


fotoSanté Teset (Senegal), gennaio 2017
Centro medico “Hospital Cristina”

Icona-Dollaro

Nel corso degli anni 2014-2016 la società Francescon ha contribuito alla realizzazione del progetto per un importo complessivo pari a 80.891,89 euro. Il centro medico è stato inaugurato il 15 giugno 2015.

Costruzione del centro medico € 40.200
Donazione dell’ambulanza: € 5.630
Spese varie e viaggi: € 7.280

Icona-Lente

♦ Toscana Oggi n.35 del 11 ottobre 2015
Quando anche la frutta fa solidarietà (di Renato Burigana)

Famiglia Cristiana, 21 maggio 2015
Senegal, quanto vale un melone (di Renato Burigana)
Tassette, l’Italia è presente (di Renato Burigana)

♦ Toscana Oggi n.18 del 17 maggio 2015 (inserto su La Parola di Fiesole)
La storia dei «meloni» solidali del Senegal
Matteo Zucchi dal Veneto in Africa per guidare e seguire la squadra che produce i meloni
Un presidio sanitario per le donne e non solo
Duecento famiglie in un piccolo villaggio a due ore da Dakar

♦ Fresh Point magazine – 30 giugno 2014
Da Coop Italia meloni senegalesi Terra Equa

♦ Gola Gioconda n.2 maggio 2014
Come un melone può aiutare l’Africa (di Gianni Carpini)

Fresh Plaza – 3 aprile 2014
OP Francescon e Coop firmano uno dei primi progetti italiani di “care farming” sui meloni del Senegal (di Renata Cantamessa)

territori.coop.it – 3 aprile 2014
Dal Senegal il melone equo-solidale

♦ Informatore (Unicoop Firenze) n.4 aprile 2014
Meloni solidali

Nuovoconsumo, aprile 2014 n.235
Buoni frutti (di Aldo Bassoni)

♦ Fruitbookmagazine.it del 26 marzo 2014
I meloni del Senegal Francescon nella linea Terra Equa Coop


Icona-Video
Meloni Terra Equa dal Senegal

17 aprile 2014
I meloni Terra equa in vendita nei supermercati Unicoop Firenze (servizio InformaCoop, 19-20 aprile 2014).
Il progetto Meloni TerraEqua è partito alcuni anni fa quando, su suggerimento della comunità senegalese fiorentina, Unicoop Firenze ha chiesto a Coop Italia di approfondire la conoscenza sulle produzioni agricole di eccellenza del Senegal. Da qui sono nati una serie di contatti con il ministero dell’agricoltura e il Consolato senegalese, per la produzione e importazione dei meloni.
Tra i requisiti indispensabili per avviare questa nuova filiera c’era quella di portare avanti un progetto etico in linea con i principi delle Cooperative che vi partecipano, tra cui Unicoop Firenze, per le quali si deve garantire lavoro e reddito equo e dignitoso alle centinaia di persone che vi partecipano. La produzione è curata dall’Op Francescon, la più grande organizzazione di produttori italiana specializzata nel melone.
Il progetto prevede anche che per ogni chilo di melone acquistato 10 centesimi siano devoluti alla Fondazione Giovanni Paolo II di Firenze che curerà i progetti etico-sociali finalizzati a migliorare le condizioni di vita della comunità, un villaggio di oltre 20.000 abitanti, presso la piantagione. Il primo progetto prevede la realizzazione di un presidio medico.