Fondazione Giovanni Paolo II onlus
  • sede legale: via del Proconsolo, 16 - 50122 - Firenze - ITALY
  • tel:+39 0575 583077

info@fondazionegiovannipaolo.org

Casa-museo del Beato Giuseppe Puglisi

Questa “Casa” custodisce i ricordi del Beato Giuseppe Puglisi per ridare VITA agli stessi: luogo dove consuetudini e martirio convivono, aprendo la porta all’incontro… per rendere partecipe ogni uomo di una memoria collettiva senza tempo.

casa-museo-del-beato-giuseppe-puglisi-di-palermo


Icona-Info
La Casa Museo del Beato Giuseppe Puglisi nasce con la finalità di restituire a questo luogo il significato di luogo della testimonianza della fede, della legalità e della giustizia; luogo di memoria viva e vitale, in cui 3P potesse continuare a parlare alle persone. Il recupero di questo spazio ha rappresentato per il Centro di Accoglienza Padre Nostro e per la Fondazione Giovanni Paolo II un modo per coniugare evangelizzazione e promozione umana, attuando una delle indicazioni del Concilio Vaticano Secondo (1962-1965), che dedica la Gaudium et Spes al rapporto tra evangelizzazione e mondo contemporaneo, chiedendo che alla parola seguano i segni e i gesti concreti. Le opere presenti in Piazza Anita Garibaldi: una statua lignea raffigurante Padre Puglisi, un medaglione in bronzo posto nel luogo in cui venne ritrovato il suo corpo, e la Casa Museo, vanno intesi come strumenti che nella loro forma artistica e comunicativa, narrano, diffondono e testimoniano la vita e l’azione pastorale, culturale e sociale di un martire.

Per visitare la Casa-Museo in cui visse il Beato Giuseppe Puglisi è necessario contattare:
CENTRO DI ACCOGLIENZA PADRE NOSTRO
Via Brancaccio 210, Palermo
Tel: 091.6301150   Fax: 091.6301088   email: info@centropadrenostro.it
dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 13, dalle ore 15 alle ore 19

GIORNI FISSI D’APERTURA:
Lunedì, venerdì e sabato: dalle 9.30 alle 12.30 (ingresso gratuito)


Icona-Globo


Icona-Gruppo

Centro Padrenostro


Icona-Note

Storia
Il Centro di Accoglienza Padre Nostro Onlus è impegnato, da oltre 20 anni, nel quartiere Brancaccio di Palermo, ponendo in essere la grande e difficile opera di promozione umana e sociale avviata dal suo fondatore, Padre Pino Puglisi, prete di periferia, ucciso per mano mafiosa il 15 Settembre del 1993, dinanzi alla propria abitazione, in Piazzale Anita Garibaldi, e divenuto Beato il 25 Maggio del 2013. Negli ultimi venti anni e non soltanto in occasione dell’anniversario della Sua uccisione, il Centro ha costantemente ricordato il Beato Giuseppe Puglisi. Parte integrante di tale percorso è l’impegno per restituire a Piazzale Anita Garibaldi, in cui Padre Puglisi ha vissuto nell’ultima fase della sua vita e dove è stato ucciso con un colpo di pistola alla nuca, la dignità propria di un luogo “sacro”, carico di significati per tutti coloro che credono in Dio e per quanti si riconoscono nei valori universali incarnati dal Beato. La Casa Museo rappresenta uno dei”semi” del Beato: essa è uno spazio aperto al prossimo per restituire alla stessa il valore di bene comune. La Casa del Beato è il coronamento dell’impegno del Centro per trasformare Piazzale Anita Garibaldi da “posteggio per automobili”a luogo-simbolo dei valori universali incarnati dal Beato. Oggi la Piazza possiede n. 2 opere simbolo del suo martirio: una statua lignea che lo raffigura ed un medaglione in bronzo posto nel punto nel quale fu trovato il suo corpo il giorno della sua morte.Questi passi compiuti hanno condotto il 25 maggio del 2014, nel I anniversario della Sua Beatificazione, ad inaugurare l’appartamento nel quale visse Padre Puglisi: non si tratta di un luogo statico da contemplare, bensì di uno spazio da vivere, luogo dell’incontro, dove crescere nella fede e nella sollecitudine verso i poveri, dove accogliere tutti coloro che manifesteranno l’intenzione di conoscere il Beato G. Puglisi.
D.D.G. n.2488 del 2 Settembre 2015: Riconoscimento della Casa Museo del Beato Giuseppe Puglisi come BENE DI INTERESSE ANTROPOLOGICO E STORICO da parte dell’Assessorato Regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana – Dipartimento dei Beni culturali e dell’Identità siciliana – S 16 Servizio Soprintendenza Beni Culturali e Ambientali di Palermo – U.O. 10 Sezione per i beni demo etnoantropologici, con Prot. 3058/S 16.10 del 18/05/2015, ai sensi dell’art. 10 comma 3 lettera D del D.Lgs. n. 42/04 e ss.mm. ii. D.D.G. n.2488 del 2 Settembre 2015.

Sede
La casa Museo del Beato Giuseppe Puglisi ha sede in Piazzale Anita Garibaldi n. 5 a Palermo, nel quartiere Brancaccio. La funzione originaria dell’appartamento era quello di civile abitazione della Famiglia Puglisi. In questo appartamento Padre Pino Puglisi visse dal 1969 al 1982 con entrambi i genitori, per ritornarci nel 1986. Dal 1987 al 1992 rimase ad abitare la casa soltanto col padre, a causa della perdita della madre; nel 1992 egli perse il padre e quì visse da solo sino al giorno del suo martirio. La casa, tappa conclusiva di un percorso di conoscenza del Beato, custodisce al suo interno libri, mobili, oggetti, indumenti e paramenti liturgici a lui appartenuti ed ai suoi genitori.La semplicità e la sobrietà di quanto in essa contenuto dimostrano il rapporto “funzionale” che il Beato aveva con gli oggetti e la predilezione che nutriva per i libri; all’interno della casa ne sono stati trovati circa 6.000, trasferiti al Seminario Diocesano dopo il suo assassinio; altri erano custoditi dai suoi familiari e oggi dagli stessi riportati all’interno dell’appartamento.Gli oggetti custoditi all’interno della Casa offrono al visitatore, oltre che uno spaccato della semplicità del vivere quotidiano del Beato Giuseppe Puglisi, uno spazio, una esperienza di vita, per non dimenticare il passato ed avvertirne la continuità con il presente ed il futuro, per lasciarsi ispirare dal suo messaggio.

Collezione
La collezione è composta da libri, mobili, oggetti, indumenti e paramenti liturgici appartenuti al Beato e ai suoi genitori. A titolo esemplificativo se ne riportano una parte: stanza da pranzo: Tavolo pranzo con 6 sedie; specchiera; sparecchiatavola; salotto composto da divano tre posti e 2 poltrone velluto bordeaux; cornice con benedizione apostolica per anniversario genitori; vetrina; foto con genitori per il 50° anniversario di matrimonio; fotocopie delle Pagelle scolastiche degli anni: A.S. 1943/1944; 1944/1945; 1945/1946; 1946/1947; 1947/1948; 1951/1952; varie foto Padre Puglisi; Libreria –Studio: 2 librerie con relativi libri; quadro icona della Madonna; sgabello da calzolaio; salottino Liberty; scrivania con sedia; stanza da letto: letto con relativo corredo-materasso, cuscino e comodino annesso; coperta di lana sul letto; armadio in legno contenente: coperta di lana; 3 cotte bianche ricamate; abito bianco con disegni rossi; pullover nero; cappotto nero; sciarpa blu; 10 grucce in legno; sgabello in legno; scrittoio in legno; crocifisso a parete in bronzo; rosario, quadro con Madonna; televisore con telecomando; radio piccola; lume piccolo; soprammobile in legno con Madonna; portafoto con foto Madre; quadretto con benedizione all’ingresso; 2 appliques in ottone con brilli in cristallo in corridoio; mobiletto a parete con specchio bagno.

Attività
Numerose sono le attività che vengono promosse per accompagnare singoli, gruppi, pellegrini, religiosi e laici, dinanzi alla porta di ingresso della Casa Museo del Beato Giuseppe Puglisi.
Ricordare il Beato Puglisi, conoscere il suo insegnamento, scoprire e riscoprire il suo martirio attraverso dei luoghi e degli oggetti “simbolici” vogliono tradursi in un’opera concreta di evangelizzazione e promozione umana, realizzata per il tramite di strumenti moderni ed attuali. La visita della Casa Museo può definirsi un efficace, utile e valido strumento didattico ed educativo, ai fini dell’apprendimento e della conoscenza, oltre che dello sviluppo della cultura e della tutela del patrimonio storico della nostra Nazione: la Casa è il luogo in cui evangelizzazione e promozione umana esprimono il loro stretto legame con l’azione “educativa”.


Icona-Camera

Previous Image
Next Image

info heading

info content



Icona-Lente

Pieghevole della casa-museo
Pieghevole della Casa-museo (2014)
♦ Cartolina in occasione della beatificazione con discorso di Papa Francesco
♦ Cartolina in occasione della beatificazione di Padre Puglisi, 25 maggio 2013

♦ Palermo, la casa del Beato don Pino Puglisi diventa museo (Rete 100 passi, 26 maggio 2014)

Radio Vaticana, 15 novembre 2015
Un luogo per riflettere sul coraggio di donare la propria vita per gli altri, senza avere paura, fino al sacrificio estremo, ma anche per capire chi era don Pino Puglisi. Vuole essere questo la casa museo, aperta a Palermo nel quartiere Brancaccio, dedicata al sacerdote ucciso dalla mafia il 15 settembre del 1993, e proclamato beato nel 2013.  La casa è gestita dai volontari del centro di Accoglienza Padre Nostro, fondato dallo stesso don Puglisi, nel 1991. Marina Tomarro ha intervistato il responsabile Maurizio Artale:

Newsletter Voci dal Vicino Oriente, Numero 19 del 24 ottobre 2014
La Casa museo del Beato Giuseppe Puglisi: luogo di relazioni (di Maurizio Artale)

Giornale Cittadino Press.it – 9 marzo 2018
Centro di accoglienza Padre Nostro: on line il sito web della casa-museo del Beato Puglisi (di Sabrina Longi)


Icona-Video
La casa di don Puglisi diventa un museo

24 maggio 2014 – Il piccolo appartamento dove visse il parroco di Brancaccio ucciso da Cosa nostra viene aperto alla città. I volontari del centro Padre Nostro vi hanno realizzato un museo grazie alla collaborazione dei fratelli di don Pino. Un videoreportage di Salvo Palazzolo e Silvia Andretti mostra per la prima volta la casa del sacerdote che la Chiesa ha fatto beato per il suo martirio (Servizio di Salvo Palazzolo, riprese e montaggio di Silvia Andretti)

Inaugurazione e benedizione della Casa-Museo in cui visse il Beato Giuseppe Puglisi

25 maggio 2014 – In occasione del Primo Anniversario della Beatificazione di Padre Pino Puglisi il Centro di Accoglienza Padre Nostro inaugura la Casa-Museo nell’appartamento in cui visse il Beato.