Fondazione Giovanni Paolo II onlus
  • sede legale: via del Proconsolo, 16 - 50122 - Firenze - ITALY
  • tel:+39 0575 583077

info@fondazionegiovannipaolo.org

Formazione professionale e lavoro

Grazie all’impegno di un imprenditore toscano, Vittorio Lazzoni, a Betlemme nascerà un laboratorio artigianale che produrrà gelato. Un laboratorio che creerà posti di lavoro e che permetterà agli abitanti e ai pellegrini di gustare un gelato artigianale di ottima fattura.

Il progetto del laboratorio di gelateria è co-finanziato dal Programma di Sostegno alle Municipalità Palestinesi che rappresenta uno strumento di sostegno e di sviluppo in favore dei Comuni e dei Joint Services Councils della Palestina. Infatti questo progetto rientra in una strategia più generale di valorizzazione del Peace Center, edificio situato nella piazza della Natività e di proprietà del Comune di Betlemme. Il PMSP opera da anni a sostegno delle politiche dei Comuni palestinesi con l’obiettivo di migliorare le modalità di erogazione dei servizi di base alla popolazione ed è portato avanti, di concerto, dal Ministero degli Affari esteri italiano attraverso il Consolato Generale a Gerusalemme e dal consorzio delle associazioni  degli Enti regionali e locali italiani.

Il progetto vede coinvolto, oltre al Comune di Betlemme, anche il Comune di Santo Stefano di Magra dove alcuni giorni fa è stato presentato il progetto. Juri Mazzanti, Sindaco di Santo Stefano di Magra, si è detto molto contento di poter partecipare a questo progetto in Medio Oriente, un “progetto concreto, che crea occupazione e che aiuta i giovani”. Il presidente della Fondazione Giovanni Paolo II, mons. Luciano Giovannetti, intervenuto alla presentazione ha ribadito la necessità di “affiancare alle parole, anche gesti concreti di solidarietà per essere vicini non solo affettivamente ma anche effettivamente alle popolazioni del medio Oriente”.

I macchinari sono già arrivati a Betlemme e il laboratorio verrà ospitato all’interno del Peace center, una struttura che si affaccia sulla piazza della Natività. Il laboratorio servirà alberghi, ristoranti, caffetterie. È un modo concreto per valorizzare prodotti, come il latte e la frutta presenti sul territorio, e creare alcuni posti di lavoro. Il gelato prodotto verrà distribuito e venduto in diverse città della Palestina grazie ad accordi presi con imprenditori locali.

Vittorio Lazzoni, in partenza per Betlemme proprio in questi giorni, sta ultimando gli ultimi passaggi per rendere operativo il progetto in poche settimane e così dare il via alla produzione del gelato.

Il Bethlehem Peace Centre

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.