Fondazione Giovanni Paolo II onlus
  • sede legale: via del Proconsolo, 16 - 50122 - Firenze - ITALY
  • tel:+39 0575 583077

info@fondazionegiovannipaolo.org

Il progetto Effetà va avanti con nuovi sviluppi

di suor Piera Carpenedo

Passione – donazione, competenza – professionalità, coniugare queste quattro realtà per «essere» a Effetà Paolo VI una presenza positiva e costruttiva per giovani e bambini in difficoltà uditiva e comunicativa; questa la mia convinzione di base.

Quando due anni fa Rita Carbone mi ha posto la domanda: «Quale progetto potremmo, noi come Fondazione Giovanni Paolo II,  realizzare con voi di Effetà?», nella mia mente sono passate molteplici proposte e richieste, ma la più impellente e ricorrente è stata la formazione degli operatori ed educatori. Così è iniziato il progetto, grazie anche al contributo e all’impegno della Misericordia della Antella,  che nel tempo si è sviluppato e realizzato. Un progetto che vede al lavoro un’equipe di formatori specializzati nel settore: la dott.sa Elisa Gaudini otorino, la dottoressa Lucia Russi neurospichiatra infantile, la logopedista Giovanna D’Ingianna, l’auto-protesista Simone Starnini, coordinati da Rita Carbone, sono arrivati a Effetà con tutto il loro bagaglio culturale specifico e con altrettanta voglia di comunicare e di donare.

Dopo una prima conoscenza della realtà scolastica locale, della complicata situazione socio-politica, si sono dedicati, ognuno nel suo settore e in sinergia tra loro, alla formazione dei docenti, alla conoscenza delle problematiche dei singoli alunni. Visite audiologiche, controlli audiometrici, testi di logica-intellettiva e comportamento, sedute di logopedia, lezioni frontali e incontri con i genitori, dibattiti con le insegnanti, con un ritmo giornaliero intenso che, nonostante la «fatica» anche per la lingua e cultura diversa, ha dato delle soddisfazioni non sempre espresse. In primis la convinzione che la formazione professionale è necessaria per rispondere al bisogno di crescita umana, alle esigenze della propria professionalità, alle domande di rinnovamento nei rapidi cambiamenti tecnologici e aggiornamenti metodologici. Atteggiamento questo di vita che coinvolge le persone e tutta la comunità educante, in dialogo con la realtà locale e le attese delle persone soprattutto dei bambini e giovani che attendono da «Effetà» un «aiuto» per aprirsi al mondo, alla società e diventare nonostante il «problema» delle persone capaci e autonome.

L'istituto Effetà di Betlemme
L’istituto Effetà di Betlemme

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.