Fondazione Giovanni Paolo II onlus
  • sede legale: via del Proconsolo, 16 - 50122 - Firenze - ITALY
  • tel:+39 0575 583077

info@fondazionegiovannipaolo.org

Un comitato per sostenere le Chiese Orientali

di Thibault Yves Joannais

La Congregazione per le Chiese Orientali è un dicastero vaticano le cui radici risalgono al lontano 1862, quando Pio IX eresse la Congregatio de Propaganda Fide pro negotiis ritus orientalis. Dipendente della Congregazione De Propaganda Fide fino al 1917, fu resa autonoma da Benedetto XV con il Motu Proprio Dei Providentis. Il mandato di questo dicastero è di porsi in collegamento con le Chiese orientali cattoliche per favorirne la crescita, salvaguardarne i diritti e mantenere vivi e integri nella Chiesa cattolica il patrimonio liturgico, disciplinare e spirituale delle varie tradizioni cristiane orientali.

Le Chiese orientali cattoliche sui iuris sono undici: la Chiesa greco-cattolica ucraina, la Chiesa greco-cattolica romena, la Chiesa copta cattolica, la Chiesa etiopica cattolica, la Chiesa greco-melchita cattolica, la Chiesa siriaca cattolica, la Chiesa maronita, la Chiesa caldea, la Chiesa siro-malabarese cattolica, la Chiesa siro-malankarese cattolica e la Chiesa armena cattolica. Ognuna di esse ha una storia e un patrimonio (liturgico, artistico e spirituale) che le sono propri. Una ricchezza spesso e purtroppo misconosciuta dai cattolici latini. La complessa realtà delle Chiese orientali, anche in riferimento alle condizioni geografiche, culturali e sociali in sui esse vivono, esige da parte della comunità cattolica universale vicinanza spirituale e condivisione dei beni. Si pensa in particolare alle comunità cristiane del Medio Oriente, profondamente scosse e indebolite dagli sconvolgimenti geopolitici degli ultimi anni.

Uno strumento di solidarietà nei confronti dei fratelli delle Chiese orientali è costituito dalla R.O.A.C.O. (Riunione Opere Aiuto Chiese Orientali) un comitato che fa capo alla Congregazione per le Chiese Orientali. Esso riunisce le agenzie (associazioni e fondazioni) di vari Paesi del mondo che si impegnano al sostegno finanziario delle Chiese orientali (compresa la Chiesa latina presente in Oriente) in vari settori, dall’edilizia per i luoghi di culto alle borse di studio, dalle istituzioni educative e scolastiche a quelle dedite all’assistenza socio-sanitaria. La R.O.A.C.O. conta attualmente 28 membri, i quali si riuniscono una volta all’anno in assemblea generale. Nel 2009 la Fondazione Giovanni Paolo II è stata chiamata a farne parte e ne è l’unico membro italiano.

Le assemblee generali della R.O.A.C.O. si rivelano utilissime per seguire da vicino la situazione e i bisogni delle Chiese orientali, e in particolare quelle che vivono nel contesto travagliato del Vicino Oriente (cfr. Voci dal Vicino Oriente, n. 7, 12 ottobre 2012). Attraverso le numerose opere portate avanti da molto tempo senza proselitismo, le strutture cattoliche sono al servizio di tutti, senza fare distinzione tra chi è cristiano e chi non lo è. Le Chiese orientali costituiscono un «piccolo gregge» (Lc 12, 32) dalla carità impressionante. Sostenerle «affettivamente ed effettivamente» rappresenta quindi un contributo fondamentale a favore della pace e dello sviluppo armonioso delle comunità locali.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.