Fondazione Giovanni Paolo II onlus
  • sede legale: via del Proconsolo, 16 - 50122 - Firenze - ITALY
  • tel:+39 0575 583077

info@fondazionegiovannipaolo.org

Palermo si è gemellata con Betlemme

Nella sede di rappresentanza del Comune di Palermo a Villa Niscemi, i Sindaci di Palermo e Betlemme, Leoluca Orlando e Vera Baboun, hanno firmato il patto di gemellaggio tra le due città. Erano presenti alla cerimonia anche l’Ambasciatore della Palestina in Italia S.E. Mali Al Kaila, il vicepresidente della Fondazione Giovanni Paolo II in Terra Santa Abuna Ibrahim Faltas, il direttore della Fondazione Angiolo Rossi, il Presidente del Centro Padre Nostro Maurizio Artale. Le due amministrazioni si impegnano, con questo gemellaggio, a favorire i rapporti di amicizia e fratellanza, promuovendo studi e ricerche comuni e programmi di cooperazione anche di natura commerciale e turistica attraverso un accordo di cooperazione decennale. «Il senso di questo gemellaggio – ha detto il Sindaco Leoluca Orlando – è ribadire che Betlemme è una città punto riferimento per il mondo e per l’umanità intera e che Palermo, in qualche modo, vuole collegarsi con questa storica città cercando di apportare una contaminazione positiva. Insieme possiamo costruire un mondo diverso e migliore a difesa dei diritti di tutti e di ciascuno».

«Sono molto orgogliosa di essere qui a Palermo e di sottoscrivere questo gemellaggio che da oggi lega le nostre due città – ha dichiarato il Sindaco di Betlemme Vera Baboun. Per noi, Palermo rappresenta una importantissima città italiana ed europea, grande punto di riferimento. Per questo ringrazio il Sindaco Leoluca Orlando per averci regalato questo momento culturale e progettuale molto importante e intenso».

Nel pomeriggio il Sindaco di Betlemme, la professoressa Vera Baboun, Abuna Ibrahim Faltas, vice Presidente della Fondazione Giovanni Paolo II, hanno voluto recarsi nel quartiere Brancaccio, dove opera il Centro Padre Nostro, accompagnati dal direttore Angiolo Rossi e dal Presidente del Centro, Maurizio Artale. Al Centro si è svolta una riunione alla quale hanno preso parte alcuni degli operatori, e si è cercato punti di collaborazione fra il Centro e il Comune di Betlemme. Uno dei principali problemi che hanno i giovani a Betlemme, ha spiegato il Sindaco, è rappresentato dall’uso di droghe. La situazione politica della città, chiusa da oltre trecento kilometri di muro, la mancanza di lavoro, l’impossibilità di uscire, sono pochi coloro che hanno i documenti validi per lasciare Betlemme e recarsi fuori per studio o lavoro, favorisce l’uso di droghe soprattutto fra i giovani.

Durante l’incontro è stato deciso di provare a realizzare un piano di educazione nelle scuole palestinesi per spiegare ai giovani la pericolosità dell’uso di queste sostanze. Il Centro Padre Nostro, nato dalla volontà del Beato Padre Puglisi, ha una lunga esperienza nel campo della prevenzione. Inoltre, in questi anni, gli operatori del Centro in collaborazione con le strutture socio sanitarie di Palermo hanno seguito, con successo, centinaia di giovani aiutandoli a uscire dal tunnel della droga.

Dopo l’incontro al Centro, c’è stato un momento di scambio con i parrocchiani del Brancaccio che hanno riempito la piccola chiesa posta al centro del quartiere. Un momento di incontro con il Sindaco di Betlemme, un invito, raccolto dal parroco don Maurizio, di organizzare un pellegrinaggio in Terra Santa per visitare i luoghi dove è nato Gesù, dove è nata la prima Chiesa.

Nella foto: al centro il Sindaco di Betlemme, Vera Baboun, con a fianco il Sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, ai lati l’Economo Generale della Custodia in Terra Santa in Gerusalemme e vice presidente della Fondazione Giovanni Paolo II, padre Ibrahim Falthas o.f.m. , e S.E. Ambasciatore della Palestina in Italia, Sig.ra Mai Al Kaila
Nella foto: al centro il Sindaco di Betlemme, Vera Baboun, con a fianco il Sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, ai lati l’Economo Generale della Custodia in Terra Santa in Gerusalemme e vice presidente della Fondazione Giovanni Paolo II, padre Ibrahim Falthas o.f.m. , e S.E. Ambasciatore della Palestina in Italia, Sig.ra Mai Al Kaila

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.