Fondazione Giovanni Paolo II onlus
  • sede legale: via del Proconsolo, 16 - 50122 - Firenze - ITALY
  • tel:+39 0575 583077

info@fondazionegiovannipaolo.org

L’eccidio di Civitella nel racconto di mons. Luciano Giovannetti

Sangue, grida e morte ovunque“. La storia di Luciano scampato all’eccidio di Civitella a 9 anni.
Luciano aveva nove anni. Quel giorno di fine giugno era in chiesa con la mamma. “Ero stato scelto come chierichetto insieme ad altri. Ero contento, emozionato”. Ciò che accadde poco dopo la fine del rito è qualcosa che nessun bambino e nessun adulto avrebbe immaginato di vedere con i propri occhi.
Un attimo prima recitavamo il rosario e quello dopo il paese era in fiamme, lacerato dalle grida e dal sangue. Sangue ovunque. Le pallottole ti passavano sopra la testa e ad ogni sparo pensavi: “ecco la prossima è per me”. La morte ovunque. Questo, ancora oggi, vedo quando la notte mi addormento”.


Tele San Domenico, 29 giugno 2019




L’avvio a Civitella del processo di beatificazione di don Lazzeri (Tele San Domenico Focus, 1 luglio 2019)



Il mio 25 Aprile a Civitella di Val di Chiana
Rai Storia – Trasmissione del 10 aprile 2015. “Io la notte ancora sogno le ore terribili a Civitella di Val di Chiana di quel 29 giugno 1944”. La testimonianza del Vescovo emerito di Fiesole. Il ricordo dell’eccidio di Civitella Val di Chiana. Monsignor Giovannetti era all’epoca chierichetto. Aveva 9 anni. “Il mio 25 aprile” è un programma di Giovanni Paolo Fontana, regia di Nicoletta Nesler, produttore esecutivo Vittorio Rizzo.


Don Alcide Lazzeri, inizia il processo di beatificazione
Don Alcide Lazzeri. A 75 anni dall’eccidio di Civitella, nel quale offrì la sua vita per salvare quella dei suoi parrocchiani, inizia il percorso per la sua beatificazione (Teletruria, 28 giugno 2019, servizio di Luca Tosi).


♦ Arezzo notizie, 29 giugno 2019
“Sangue, grida e morte ovunque”. La storia di Luciano scampato all’eccidio di Civitella a 9 anni (di Claudia Failli)

♦ Avvenire.it – 27 giugno 2019
Giovannetti: «Io, oggi vescovo, sopravvissuto alla strage nazista» (di Giacomo Gambassi)