Fondazione Giovanni Paolo II onlus
  • sede legale: via del Proconsolo, 16 - 50122 - Firenze - ITALY
  • tel:+39 0575 583077

info@fondazionegiovannipaolo.org

Missione in Libano: Santa Cresima per i militari italiani

Il Cardinale Bassetti celebra il sacramento della confermazione per i peacekeepers in missione in Libano

Previous Image
Next Image

info heading

info content


Shama (Libano),17 marzo 2018
Accompagnato da una delegazione della Fondazione Giovanni Paolo II, guidata dal suo Presidente Mons. Luciano Giovannetti, il Cardinale Gualtiero Bassetti, Presidente della Conferenza Episcopale Italiana, ha amministrato sabato 17 Marzo 2018 a Shama in Libano, presso il Comando del Settore Ovest di UNIFIL a guida Italiana su Base Brigata Paracadutisti Folgore, la Santa Cresima per 15 peacekeepers Italiani impiegati nella Missione Leonte XXIII.

Nel corso del suo intervento di saluto il Cardinale ha ringraziato i militari italiani schierati nel sud del Libano per il costante impegno che garantiscono, sacrificando sempre i propri interessi personali, per garantire il bene e la sicurezza comune.

L’Italia ha la responsabilità del Settore Ovest di UNIFIL, che dal 18 ottobre del 2017 è guidato dal Generale di Brigata Rodolfo Sganga, e può contare su una forza complessiva di circa 4.000 peacekeepers di 12 differenti Nazioni quali Armenia, Brunei, Estonia, Finlandia, Ghana, Georgia, Irlanda, Malesia, Repubblica di Corea, Serbia, Slovenia, e Tanzania. L’Italia nello specifico contribuisce con una forza di circa 1100 militari, 278 mezzi terrestri e 6 mezzi aerei inquadrati nella missione denominata “Leonte”. La componente italiana dislocata principalmente a Shama è composta da un Comando di Settore, un Centro amministrativo di intendenza, un gruppo supporto di aderenza, Un Battaglione di supporto alle attività operative e una unità di riserva. Nella base di Al Mansouri è invece dislocata una Task Force di manovra (Italbatt) su base 183° Reggimento Paracadutisti “Nembo” e con unità del gruppo squadroni del Reggimento Paracadutisti 3° “Savoia Cavalleria”.

Attualmente le unità inquadrate nella missione in Libano (UNIFIL) continuano a monitorare il rispetto del cessate il fuoco ed il rispetto della Blue Line in ottemperanza delle risoluzioni 1701 e 2373 delle Nazioni Unite. Le attività operative attualmente svolte da UNIFIL consistono in osservazione da posti fissi,condotta di pattuglie (diurne e notturne), realizzazione di check-points, collegamento con le Forze Armate libanesi, pattugliamento marittimo.